Integratori per stanchezza

integratori per stanchezza

Integratori per stanchezza: quale dono!

Da quando l’alba riflette il suo ritorno sui vetri della finestra, noi siamo in continuo divenire.

Ci alziamo e senza accorgerci, siamo già sobbarcati da mille impegni. Mentre una mano veste il corpo ancora assonnato, l’altra prepara i figli, provvede alla colazione e rimette anche in ordine.

Poi scuola, lavoro, spesa, amici e relative cene da preparare. E ancora, sport da compiere in modalità full immersion nei pochi momenti liberi e solo per colmare quel senso di colpa che ci attanaglia quando il nostro fisico si espande.

In definitiva, arriva la sera e in quali condizioni ci ritrova? Peggio di come ci ha visti la mattina!

Inoltre, la primavera e in particolare i cambi di stagione, è risaputo, non ci vengono in soccorso, anzi. Amplificano questa sensazione di stanchezza, che di suo, ha un peso rilevante sul nostro tram tram.

Che tattiche adottare? Potremmo staccare la famosa spina e dedicarci solo alle attività che donano respiro.

Magari, potremmo anche organizzare una bella vacanza fuori porta, posare il nostro fondoschiena su morbide superfici e abbandonarci all’ozio, in totale relax.

Sì, certo. Sognare non costa nulla. E in vacanza, tutto è possibile. Ma quanto dura? Una settimana, due, un mese? Appunto. Periodi relativamente limitati ritemprano, ma non sono la soluzione. 

Cosa fare per alleviare o diminuire la stanchezza?

Ricorrere all’introduzione di integratori per la stanchezza. Ovvio.

Migliori 4 integratori per stanchezza a confronto, recensioni e guida alla scelta: Mag Stress Resist  30 Compresse

Il primo degli integratori per stanchezza che andremo a suggerirvi è Mag Stress Resist, considerato miglior integratore per stanchezza tra tutti gli integratori per la stanchezza.

E’ ritenuto uno degli Integratori per stanchezza più potenti perché,  grazie all’estratto di Rhodiola Rosea, sovviene l’organismo nelle situazioni di stress e stanchezza mentale e aiuta a migliorare il buonumore.

La formula vincente di questo tra i migliori integratori per stanchezza comprende:

  • La vitamina B9 che contribuisce alle normali funzioni psicologiche, primo tra tutti, la resistenza allo stress.
  • La vitamina B6 e il Magnesio che collaborano al funzionamento del sistema nervoso.
  • Rhodiola Rosea che, come accennato, aiuta il corpo durante periodi di stress e stanchezza.

Come assumere quest’integratori per stanchezza?

Si consiglia l’assunzione di una compressa, una volta al giorno, con un abbondante bicchiere d’acqua, anche lontano dai pasti.

Si consiglia l’utilizzo di questo integratore potente per stanchezza almeno per un mese.

Carnidyn Plus 18 compresse.

Tra i vari integratori per la stanchezza, è quasi d’obbligo menzionare Cardyn Plus della Alfasigma, considerato per l’appunto, miglior integratore per stanchezza tra i molti in vendita.

Aiuta a combattere non solo la stanchezza fisica, ma anche quella mentale.

Questo integratore potente per stanchezza ha una sua particolare e caratteristica formulazione equilibrata di vitamine, sali minerali, creatina, amminoacidi e carnosina: nutrienti importanti per i processi biologici che sostengono l’organismo.

Carnidyn Plus, miglior integratore per stanchezza, contiene:

  • Vitamina B5 (o acido pantotenico) che contribuisce al normale metabolismo energetico, alla riduzione della stanchezza e dell’affaticamento, favorendo normali prestazioni mentali.
  • Vitamina E, Selenio: gli addetti alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo.
  • Magnesio: supporta la funzione muscolare, riduce la stanchezza fisica e l’affaticamento, favorisce il mantenimento dell’equilibrio elettrolitico/idrosalino e supporta, inoltre, il normale funzionamento del sistema nervoso.
  • Zinco: facilita la normale funzione cognitiva.
  • Creatina: derivato degli amminoacidi, incrementa le prestazioni fisiche in caso di attività ripetitive, di elevata intensità e di breve durata.

L’integratore potente per stanchezza della Alfasigma è un prodotto senza glutine e con ingredienti di origine vegetale, ideale per vegani e vegetariani o per chi è intollerante al glutine.

Come assumere questo miglior integratore per stanchezza? Al giorno, si consigliano una o due compresse masticabili.

Supradyn Energy. 

Tra i vari integratori per la stanchezza in commercio, ne troviamo uno molto conosciuto, anch’esso un potente e miglior integratore per stanchezza: il Supradyn Energy.

Questo energizzante integratore, a suo favore, possiede due importanti caratteristiche: la potenza di un mix di vitamine e il formato famiglia. 

Quando gli impegni o le situazioni improvvise appesantiscono le nostre giornate, in soccorso arriva Supradyn Energy: uno tra gli integratori per la stanchezza più utilizzati.

I cambi di stagione, lo sappiamo, sono una tra le cause principali della nostra spossatezza. L’integratore potente per stanchezza della Supradyn è il nostro Superman della situazione.

Le vitamine contenute in questo integratore potente per stanchezza sono molteplici:

  • Vitamina A che contribuisce al mantenimento della capacità visiva normale.
  • Vitamine presenti del gruppo B, insieme alla vitamina C che partecipano al normale metabolismo energetico (trasformazione del cibo in energia), riducendo la sensazione di stanchezza e affaticamento.
  • Vitamina D che partecipa alla tutela delle funzioni muscolari e protegge il sistema immunitario.
  • Vitamina E adibita alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo.

 

Inoltre, il miglior integratore per stanchezza, qui riportato, contiene anche il Coenzima Q10: fondamentale per il funzionamento degli organi e per lo svolgimento di molte reazioni chimiche aventi luogo nell’organismo.

È un integratore potente per stanchezza senza glutine e lattosio, ottimo sia per quelle tipologie di persone intolleranti e sia per vegani e vegetariani.

Come assumere questo miglior integratore per stanchezza? Si consigliano una o due caramelle gommose al giorno.

Sustenium plus della A. Menarini.

Integratore tonico a base di vitamine, sali minerali e con l’aggiunta di creatina. Confezione da 22 bustine.

Un altro integratore potente per stanchezza presente in commercio, del quale vi suggeriamo l’utilizzo, è Sustenium Plus, considerato non a caso, uno tra i più venduti e migliori integratori per la stanchezza.

Questo miglior integratore per stanchezza è adatto ad ogni periodo dell’anno, in particolare durante i cambi di stagione e per gli sportivi durante e dopo l’allenamento.

È un integratore alimentare energizzante che dona tonicità quando la stanchezza si fa sentire.

Sustenium plus, uno degli integratori per stanchezza più venduti, contiene vero succo di arancia, ingrediente che elargisce carica energetica contro la stanchezza e l’affaticamento.

Tra gli elementi presenti in questo miglior integratore per stanchezza troviamo:

  • vitamina C e zinco: campioni nella lotta contro i sintomi da raffreddamento e valido aiuto per il sistema immunitario
  • creatina: amminoacido fondamentale durante gli allenamenti perché produce energia.

Questo integratore potente per stanchezza racchiude una formulazione esclusiva con 5g di aminoacidi, vitamine e minerali per assicurare un “plus” quando il nostro organismo ne risente.

Non contiene sostanza dopante e coloranti sintetici.

Come assumere Sustenium Plus, un tra gli integratori per stanchezza?

Si consiglia l’assunzione di una bustina al giorno.

Dopo la carrellata di consigli e prodotti indicati, possiamo ammetterlo

I motivi per assumere gli integratori per stanchezza sono davvero molti. Ma a quale tipo di stanchezza stiamo pensando?

Di primo acchito, potremmo dire che la stanchezza è prettamente fisica, e che da essa dipendano tutti quegli effetti negativi che risentiamo.

I più potrebbero obiettare, evidenziando che la stanchezza non è solo fisica, ma anche mentale e a questa c’è solo un rimedio: riposarsi. E, in linea generale, il riposo è sempre la cura migliore.

Su questo non ci piove. Ma il problema, cari amici, è riuscire a trovare tempo per riposarsi. A volte, neppure di notte, abbiamo il lusso di permetterci le 8 ore canoniche di sonno.

La prassi migliore, specie se la stanchezza è dovuta ad ansia o stress, è quella di riorganizzare lo stile di vita, curando l’alimentazione, riducendo i ritmi quotidiani ed eliminando fumo o alcool.

In presenza di altri fattori, è logico avvalersi della consulenza del proprio medico che, in determinati casi, prescriverà esami medici specifici.

Ma, escludendo scenari apocalittici, che richiederebbero oltre all’intervento del medico, pure quello divino, quando la stanchezza ci assale (e ai giorni nostri sembra ormai consuetudine), gli integratori per la stanchezza sono importantissimi.

Non sostituiscono il riposo che, sottolineiamolo, è sempre il rimedio numero uno, ma possono aiutarci a sostenere un ritmo di vita che, di per sé, è logorante. Alcuni tra gli integratori per stanchezza li abbiamo illustrati.

Ora, facciamo un passo indietro, come sempre, e soffermiamoci per un minuto ad analizzare alcuni aspetti.

Che cosa intendiamo veramente per stanchezza. E ancora, quali sintomi accusa?

Abbiamo detto che la stanchezza si suddivide in due grandi famiglie: quella fisica e quella mentale.

La stanchezza, detta anche astenia o spossatezza, è generata da una mancanza di forze, quel benedetto calo di energie che può essere o momentaneo, o per svariati motivi, prolungarsi nel tempo.

Se lo stress generato dallo sforzo fisico o mentale si protrae nel tempo, diventando cronico, corriamo il rischio di ritrovarci catapultati all’interno della famigerata “sindrome da burn-out”.

E arrivati a questo punto, siamo fritti (non completamente se assumiamo gli integratori per stanchezza).

Non ci vuole molto per comprendere come questa particolare condizione aumenti il logorio psicofisico del nostro organismo, causando maggiore affaticamento e poca reattività.

All’inizio parlavamo di cambi di stagione. Possibile che provochino un tale problema? Sì, purtroppo.

I cambi di stagione, infatti, producono sbalzi di temperatura. Alzi la mano chi, in questo mese per esempio, non ha pensato quanto fosse pazzo questo tempo! Un attimo primo ci scaldavamo nel pile soffice, e subito dopo ci vediamo gironzolare per il mondo in maglietta.

Questi sbalzi di temperatura indeboliscono il nostro già compromesso sistema immunitario.

Se state pensando che il nostro corpo possa adattarsi anche a climi di ogni genere, da quelli estremi in modalità ibernazione a quelli per la serie “mi sciolgo”, confermo la vostra ipotesi.

Ma vi ricordo che, in determinate persone, quelle predisposte (e non parlo solo delle nonnine), anche un semplice venticello fuori programma può determinare un indebolimento.

Mai sentito parlare dei mitici (che poi così mitici non sono) “meteoropatici”? Ebbene, eccoli. Queste povere figure ne risentono, eccome, del cambio di stagione. E il loro calvario inizia con i classici disturbi che vedremo.

Per non parlare dei poveri studenti che, in questi mesi, devono prepararsi a una full immersion di studio ed esami.

Vedo già la fila dei geni sopra debilitati in farmacia: tutti intenzionati ad acquistare gli integratori per stanchezza. 

E i lavoratori sottopagati e sfruttati dove li mettiamo?

Anche loro sul podio, insieme alle “desperate housewives” che devono dividersi tra un compito e l’altro.

Non ditemi che una delle casalinghe sopra descritte, non farebbe volentieri uso di un integratore potente per stanchezza! Seguita ovviamente dal marito sottostimato che, di quegli integratori per stanchezza, ne ha assoluto bisogno. 

Ma, vogliamo vedere quali sintomi produce la stanchezza? Il primo in assoluto, a vincere il premio Nobel, è l’amato mal di testa.

Seguono: difficoltà a concentrarsi, vertigini, irrequietezza, apatia, capogiri e svenimento, nervosismo, depressione, dolore addominale e toracico, sudorazione, dolore alla schiena, mancanza di motivazione, insonnia, e chi più ne ha, più ne metta.

Le cause della stanchezza, come abbiamo visto, possono essere determinate da un affaticamento fisico o psichico, a loro volta originati (anche) da un’insonnia cronica e prolungata.

Oppure dalla presenza di patologie come: anemia, ipotensione, problemi alla tiroide, sindrome delle gambe senza riposo, ipoglicemia, diabete, artrite, menopausa, etc.

Ora che abbiamo capito come scaturisce la stanchezza, che strategia adottare per combatterla?

Tralasciando le condizioni dovute a patologie per le quali è indispensabile l’assistenza di un medico, cerchiamo di analizzare, per quanto concerne l’ambito nutrizionale, quali cibi assumere per contrastare affaticamento e stanchezza.

Innanzitutto, è consigliabile evitare la consueta abbuffata serale (pensavate che non lo sapessi?!) dovuta ai pasti frugali della giornata.

Attenzione a…

Se a colazione ci beviamo un caffè di fretta e furia, a pranzo voliamo sull’insalata o il mini toast, è inevitabile che poi, la sera ci veda trasformati in lupi pronti a divorare pure il divano, se necessario. Anche no, grazie.

E magari, il tutto, senza nemmeno porre attenzione alla masticazione (primo processo digestivo che avviene attraverso l’azione biochimica della saliva e lo sminuzzamento).

La scorpacciata della sera appesantisce l’apparato gastrointestinale, rallentando i processi digestivi.

E la sensazione di stanchezza, se già non bastasse la fatica dell’intera giornata, raggiunge i massimi livelli, arrivando a toccare le vette più alte, durante la notte, perché ritrovandoci chili di cibo al posto dello stomaco, con il piffero che riusciamo a dormire!

Per ciò che riguarda la dieta, sarebbe preferibile ricorrere a cibi “light” e poco elaborati, ricchi di vitamine e minerali, magnesio e potassio specialmente, perché favoriscono il riposo.

Inoltre, cibi che contengono ferro, il quale contrasta l’anemia e gli stati di stanchezza, soprattutto in quei periodi in cui c’è un’elevata perdita (mestruazioni abbondanti) o un aumentato fabbisogno (gravidanza, allattamento, crescita, senescenza).

Via libera a: frutta e verdura di stagione, ma anche frutta secca, germogli perché contengono vitamine del gruppo B; cereali integrali quali il riso ricco in triptofano, un aminoacido precursore della melatonina, l’ormone del sonno.

Altri fattori

Ancora: omega 3, acido folico, minerali e fibre importanti per l’apporto degli elementi utili al nostro organismo affinché rimanga in salute.

E buttate quegli spuntini ipocalorici (brioches e cioccolati)! Preferite, ad esempio, lo yogurt senza zuccheri: è ricco di contenuti probiotici, sostenitori dell’apparato intestinale.

Non devo certo ricordarvi, infine, di introdurre la giusta quantità d’acqua, indispensabile a mantenere un livello di idratazione ottimale.

Vedo le vostre facce perplesse.

Lo so cosa vi turba. Vi state chiedendo cosa fare se, con la dieta, non si riuscisse ad apportare il giusto fabbisogno di elementi nutritivi sufficienti a contrastare la stanchezza e a mantenere in salute il nostro organismo.

Gli integratori per stanchezza sono la risposta.

Ma quali, tra tutti gli integratori per la stanchezza, preferire?

Gli integratori per la stanchezza da preferire, oltre a quelli riportati sopra, sono tutti quegli integratori per la stanchezza che contengono determinati elementi. 

Vediamoli nel dettaglio.  Il primo, da sempre suggerito, è il ferro. La sua carenza è la più sentita. Un basso livello di ferro nel sangue impedisce alle cellule e ai tessuti di assicurarsi sufficiente ossigeno, originando astenia.

Non mi dite che fin da piccoli, non vi hanno riempito di integratori per stanchezza!

Vitamina C (acido ascorbico): altro integratore potete per stanchezza preferito da sempre. Aiuta a rafforzare il nostro sistema immunitario e ad assorbire il ferro dagli alimenti.

Recenti studi, inoltre, hanno rivelato che la vitamina C ridurrebbe il dolore muscolare, aumentando le prestazioni dopo l’allenamento.

E che dire della vitamina B12? Svolge un ruolo vitale nella funzione cellulare e nel metabolismo energetico. Proviene, abitualmente, da alimenti come la carne, il pollame e il pesce.

Per tale ragione, le persone che seguono una dieta vegana o vegetariana, gli anziani e coloro che hanno problemi nell’assorbimento di questo importante elemento, presentano una carenza di vitamina B12.

E a maggior ragione diviene importante, se non basilare, introdurre come abitudine l’assunzione di integratori per stanchezza.

Altro integratore potente per stanchezza essenziale: l’acido folico. E’, difatti, uno dei principali e richiesti integratori per stanchezza. Questo elemento, noto come vitamina B9, compie un incarico necessario per il nostro corpo: la divisione cellulare.

Potete comprendere quanto sia importante rivolgersi a questo miglior integratore per stanchezza durante la gravidanza.

Magnesio, questo sconosciuto (non direi) ma miglior integratore per stanchezza! Nella pole position degli integratori per stanchezza è sempre presente. Perché?

C’è da chiederlo, suvvia! Questo integratore potente per stanchezza, è essenziale per l’attività e l’equilibrio del sistema nervoso: svolge un’azione distensiva e rilassante, affievolendo l’eccessiva attività del sistema nervoso e dei muscoli.

Non solo. È un ottimo aiuto per sciogliere i crampi e nella formazione e crescita delle ossa.

Rinunciarvi è impossibile!

Aggiungiamo alla lista degli integratori per la stanchezza, anche il Potassio, amico del Magnesio.

Questo minerale svolge un ruolo principe all’interno dell’organismo: assicura condizioni elettrochimiche necessarie alle membrane cellulari e alla trasmissione degli impulsi nervosi.

È importante anche nelle reazioni biochimiche perché muta il glucosio (principale substrato energetico utilizzato dalle cellule muscolari) in glicogeno (fonte di deposito e riserva del glucosio).

Carenze significative, di questo che è uno tra gli integratori per la stanchezza più importanti, possono essere molto rischiose per il cuore che deve il suo ritmo di contrazione al perfetto bilancio dei livelli di questo elemento con quelli del sodio.

Inoltre, bassi livelli di potassio possono sviluppare ipertensione.

Nemmeno a dirlo: indispensabile assumere questo miglior integratore per stanchezza.

E l’insonnia?

Abbiamo visto, tra le varie cause della stanchezza, proprio questa nemica. Quale tra gli integratori per stanchezza funziona contro l’insonnia?

La melatonina. È un ormone prodotto dal nostro corpo, più precisamente dalla ghiandola endocrina situata nel cervello. La produzione è collegata alla luce. Che cosa vuol dire?

Diminuisce con un’intensa esposizione alla luce e aumenta all’arrivo del suo antagonista: il buio.

Se come me, vi chiedete come faccia la gente a dormire beata sotto il sole cocente senza problemi, l’ipotesi a cui possiamo arrivare è solo una.

Anziché introdurre uno tra gli integratori per la stanchezza e sonno, come la melatonina citata, si è preferito passare notti infinite a contare le pecore. 

Gli aspetti benefici della melatonina

Non si limitano a quelli sopra riportati. In effetti, oltre a regolare il nostro sonno, ha anche positive proprietà sul sistema immunitario, non solo, aiuta a regolarizzare il nostro ritmo circadiano, ovvero la variazione ciclica delle nostre attività naturali.

E per completare il suo catalogo di servizi, la melatonina possiede una caratteristica antiossidante a livello mitocondriale.

Non dimentichiamo, inoltre, che la melatonina è considerata antagonista di un altro ormone importante: il cortisolo, “ormone dello stress”, offrendo una funzione immunosoppressiva.

E la creatina, la conosciamo? È uno dei migliori integratori per stanchezza. La creatina è una molecola che viene sintetizzata attraverso il fegato, i reni e il pancreas a partire da tre aminoacidi: arginina, glicina e metionina.

Dopo essere stata prodotta, viene inviata ai muscoli, al cervello e al cuore.

È capace di avviare reazioni chimiche consentendo al corpo di sfruttare energia.

Dulcis in fundo (ma ce ne sarebbero altri da evidenziare) troviamo il coenzima Q10: altro integratore potente per stanchezza. È presente in tutto l’organismo, in particolare nel fegato, cuore, pancreas e reni.

È di fondamentale importanza per il corretto funzionamento di molti organi e per lo svolgimento di numerose reazioni chimiche aventi luogo nell’organismo.

Assomiglia ad una vitamina e collabora a rifornire energia alle cellule. Alcune ricerche sostengono che eserciti un’azione antiossidante.

Insomma, non c’è che l’imbarazzo della scelta negli integratori per stanchezza. Combattere con le armi adeguate è un ottimo inizio.

Armiamoci di integratori per la stanchezza, seguiamo uno stile di vita il più corretto possibile e abbandoniamo quelle abitudini che non sono di certo un toccasana.

Scopri tutti gli articoli sul nostro sito, oppure visita la pagina Instagram di un nostro partner.